marzo 31, 2015

Vitis vinifera: utilizzo della Vite in erboristeria

vite

Vitis vinifera L. detta volgarmente Vite è una pianta di antichissima coltivazione.

La sua comparsa è accreditata in Transcaucasia tra i 10.000 e gli 8.0000 anni fa. La coltivazione e la produzione del vino hanno avuto inizio in Mesopotamia ed Egitto circa 5.000 anni fa.

Inizialmente tale bevanda era esclusivamente destinata ai riti religiosi. Nell’area mediterranea la coltivazione della vite e l’uso alimentare del vino si sarebbero diffusi non prima di 3.200 anni fa, grazie ai greci, poi agli etruschi e ai romani.

Al giorno d’oggi la vite viene coltivata in tutte le regioni italiane.

Essa è un frutice contorto e in parte legnoso appartenente alla famiglia delle Vitaceae. Le foglie sono semplici, lungamente picciolate, grandi, palmate, seghettate e munite di cirri. La superficie superiore delle foglie è glabra, l’inferiore varia da molto pelosa a quasi glabra.  I fiori sono piccoli, verdi, riuniti in grandi infiorescenze  a grappolo. I frutti sono bacche succose, chiamate acini, giallognole o nere, contenenti 2-4 semi.  Le parti utilizzate (droga) sono le foglie, i frutti, i semi, ma anche i sarmenti.

 

Utilizzo in erboristeria

Foglie: in erboristeria la droga utilizzata è rappresentata dalle foglie che contengono proantocianidine, flavonoidi (quercitrina, quercetina, isoquercitrina, kaempferolo) e composti stilbenici, quali il resveratrolo (presente soprattutto nelle radici, nei rami e nel vino). Le foglie vengono raccolte dopo la vendemmia, cioè quando il loro colore vira al rosso. L’azione delle proantocianidine è quella di aiutare la stabilizzazione dei vasi capillari, e quindi una prevenzione della permeabilità vascolare, stabilizzazione delle fibre di collagene, ed elastina. L’utilizzo è quello legato alle insufficienze venose, quindi in grado di ridurre gonfiore delle gambe, dei polpacci e delle caviglie, stanchezza, pesantezza e formicolio. Si utilizzano estratti secchi o anche pomate o gel ad uso topico. Nella medicina popolare le foglie fresche scottate nell’acqua, venivano utilizzate come rimedio contro le emorroidi.

 

Semi: in erboristeria si utilizza anche l’estratto dei semi d’uva, ed è finalizzato alla perdita di peso corporeo. I semi di Vitis vinifera, si ottengono generalmente come sottoprodotto della produzione del vino e chimicamente sono proantocianidine che possiedono attività antiossidante, protettiva a livello cardiovascolare e del microcircolo, antinfiammatoria, antibatterica, antivirale. Un’ interessante attività è quella legata alla prevenzione e contrasto verso gli stati infiammatori associati all’obesità.

 

Frutti: l’utilizzo dei frutti è quello legato alla produzione del vino e dell’aceto. Oltre all’ampio uso culinario sia il vino che l’aceto hanno impiego nelle preparazioni erboristiche (enoliti e tinture acetiche). Nell’uso tradizionale l’aceto si faceva odorare alle persone che avevano perso i sensi per farle rinvenire, oppure utilizzato sui capelli in caso di pediculosi.

 

Utilizzo in cucina

In campo alimentare tradizionale si utilizzano i tralci della vite (sarmenti) per cucinare i tipici carciofi alla matticella (piatto tradizionale della zona intorno a Velletri nel Lazio): i tralci di vite, all’epoca della potatura, vengono tagliati e raccolti in fascine, al momento dell’utilizzo si dispongono su una superficie metallica o su mattoni refrattari e bruciati fino a formare uno strato di brace di qualche centimetro, i carciofi, conditi con abbondante olio di oliva, mentuccia e sale, vengono cotti direttamente “affogati” nelle braci. Per la posa e la cottura si utilizza un guanto in pelle impregnato di acqua. Il fumo dei sarmenti dona un profumo tipico ai carciofi.

 

ANJA LATINI

Erborista iscritta al RNEP n. GLT0018S

 

 

Articoli che potrebbero interessarti:

Olio di vinaccioli: come utilizzarlo?

Frutta e verdura: una fonte inesauribile di antiossidanti