settembre 9, 2021

SPEZIE, E SI È SEMPRE IN VACANZA!

Dopo il periodo delle ferie estive, tempo di sgarri e vizi alimentari, ci si ritrova a inizio Settembre a fare i conti con la bilancia ed i vestiti stretti… ma a tutto c’è una soluzione! e il miglior modo di procedere è sempre attraverso il cibo; modificando ed introducendo nel proprio organismo alimenti sani, che diano il giusto sprint dal rientro vacanziero.

 

Un primo passo verso la “disintossicazione” è la diminuzione del consumo di cibi ricchi di grassi, soprattutto quelli con acidi grassi saturi; più difficili da metabolizzare per il nostro organismo e che tendono ad accumularsi nel sangue, causando un aumento dei livelli di colesterolo.

Pertanto i cibi da limitare potrebbero essere:

  • Burro
  • Olio di palma
  • Insaccati (salumi, salsicce)
  • Formaggi grassi (provolone, mascarpone)
  • Fritture
  • Merendine e prodotti da forno industriali

Quelli invece da consumare preferibilmente, viste le ridotte quantità di acidi grassi saturi, sono:

  • Frutta
  • Verdura
  • Cereali
  • Pesci e carni magre
  • Latte e yogurt

Per avere una buona “disintossicazione alimentare” è consigliabile poi la sospensione o, se non si riesce, almeno la riduzione a quantità limitate di alcolici e bevande zuccherine; preferendo sempre bere almeno 1 litro di acqua al giorno, per aiutare l’organismo a eliminare le tossine e i materiali di scarto, in combinazione con l’azione intestinale.

 

Oltre agli alimentati appena citati, è molto utile introdurre nella nostra dieta il consumo di spezie ad azione disintossicante.

Eccone alcune tra le principali presenti nei portaspezie di ogni cucina o reperibili in molti negozi:

Grazie alla presenza della curcumina antiossidante ed antinfiammatoria, nonché per il suo ruolo neuroprotettivo, la Curcuma, spezia di origine asiatica dal colore arancione brillante, è un ottimo disintossicante, in particolare se mescolata a del latte vegetale per la preparazione del golden milk.

 

Altra spezia utilizzata sia in preparazioni salate che dolci, e molto presente nella nostra tradizione culinaria italiana, è il Peperoncino che, oltre a stimolare il senso di sazietà, se mixato con Zenzero e Limone apporta beneficio al fegato, e migliora il benessere cardiovascolare. Senza dimenticarci dell’attrice principale di questa spezia: La capsaicina composto piccante del Peperoncino, che aiuta l’organismo in caso di geloni, nevralgie e spasmi dolorosi.

 

Già citato assieme al Peperoncino c’è lo Zenzero, tubero irregolare ma dalle proprietà benefiche incredibili, partendo dalla più importante: è l’antinausea per eccellenza. Veniva infatti utilizzato dai marinai cinesi contro il mal di mare con un’efficacia antiemetica paragonabile alla vitamina B6 (piridossina).

Molto utile in caso di dispepsia per contrastare le difficoltà digestive, è in grado di stimolare i movimenti peristaltici di stomaco e intestino. Utile anche il suo effetto colagogo (come l’olio d’oliva) nella produzione di bile per la funzionalità epatica, azione positiva che si riflette anche sull’effetto ipocolesterolemizzante (abbassa la presenza di colesterolo nel sangue), utilizzato in genere sotto forma di infusi e decotti o in tisane semplici.

 

Ultimo ma non per importanza il Coriandolo, molto spesso snobbato nella preparazione di piatti in cucina, è una spezia, semi o foglie, efficace contro i metalli pesanti come il mercurio, l’allumino e il piombo. Eccezionali le foglie in zuppe o per condire legumi e verdure, oppure nella preparazione di tisane con azione carminativa in casi di ristagni di gas a livello intestinale.

È inoltre digestiva e antisettica; la presenza di linalolo, flavonoidi e vitamine hanno un effetto benefico sullo stomaco aiutando la digestione, proteggendo il fegato e rilassando l’intestino, infine protegge le cellule del corpo dall’azione dei radicali liberi. Ottimo il pesto di Coriandolo!

 

L’uso delle spezie è consigliato in molteplici diete poiché presentano basse, se non nulle, kcal apportando beneficio all’organismo; e poi hanno la funzione di aromatizzare naturalmente ogni piatto, dando quel tocco di esotico e di nuovo che non guasta mai nei piatti e per le nostre papille gustative.

 

GABRIELE DALLO

Dottore in Tecnologie Alimentari

 

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:

La potenza delle spezie

Spezie alleate contro il freddo: la miscela di Valnet

Frutta e Verdura: una fonte inesauribile di antiossidanti 

Peperoncino: un antidolorifico naturale