ottobre 23, 2019

ORTHOSIPHON: UNA PIANTA DIURETICA E DEPURATIVA

L’Ortosifon o tè di Giava è una pianta originaria del sud-est asiatico, ed è una Lamiacea con denominazione scientifica Orthosiphon stamineus Benth o anche Orthosiphon aristatus (Blume) Miq.

 

È un’erbacea perenne di piccole dimensioni, alta da 30 a 80 cm, con fusto quadrangolare, lignificato nella parte inferiore ed erbaceo in quella superiore. Possiede foglie opposte, dentate irregolarmente, dotate di picciolo corto, quadrangolare e lembo ovale, a losanga; cuneiformi alla base, di colore verde scuro sulla pagina superiore, più chiaro e pubescente in quella inferiore. Le nervature principali ed il picciolo sono violacei.

I fiori sono riuniti in un’infiorescenza alla sommità, sono di colore bianco o lilla e possiedono stami evidentemente molto lunghi, circa il doppio della corolla, che gli conferiscono il nomignolo baffo di gatto.

Il frutto è formato da quattro acheni racchiusi nel calice.

 

La droga è rappresentata dalle foglie che hanno un sapore salato, amaro e astringente e risultano essere aromatiche all’olfatto.

Le foglie contengono una grande quantità di sali di potassio, ma anche diterpeni, triterpeni, olio essenziale e molti composti fenolici, in particolare flavoni lipofili (sinensetina, eupatorina, scutellarina tetrametiletere, ramnazina, ecc.), ed esteri dell’acido caffeico.

 

L’Ortosifon ha riconosciute proprietà diuretiche, essendo un potente eliminatore dell’urea e dei cloruri, e possiede un’azione depurativa. Oltre a ciò possiede una modesta azione coleretica (ovvero stimola la produzione di bile) e ipocolesterolemizzante.

Viene consigliata dall’erborista in caso di edema, oliguria, ascite, affezioni delle vie genito-urinarie (uretriti, cistiti e nefriti), in caso di artrite, reumatismi e gotta, ma anche come coadiuvante nell’obesità; e la si consiglia spesso come drenante per aiutare a combattere la cellulite.

Non sono noti effetti collaterali, controindicazioni e interazioni con altre droghe o farmaci, tuttavia la “terapia diluente” consigliata nei casi di infezioni batteriche, infiammazione del tratto urinario inferiore e renella, non deve essere praticata nei casi di edema causato da disfunzione cardiaca o renale.

 

L’Ortosifon può essere assunto tramite un infuso semplice (2 g di droga in 100 ml di acqua, posta in infusione per 10 minuti) una tazza 4-5 volte al giorno; infuso composto (Ortosifon foglie 20 g, Equiseto 25 g, Anice frutti 10 g , Betulla foglie 10 g, Ginepro bacche 25 g, Levistico 10 g); oppure polvere, estratto fluido, tintura madre o estratto secco.

È una pianta considerata diuretica e non semplicemente acquaretica, distinzione molto importante da definire: le diuretiche sono quei preparati che aiutano il corpo ad aumentare l’escrezione di urina, quindi indirizzare l’acqua nei reni, in modo da svolgere una funzione di lavaggio e purificazione degli stessi. Sono impiegati soprattutto per curare l’ipertensione e l’insufficienza cardiaca in quanto viene ridotto il volume del sangue e la pressione che questo esercita sulle pareti vascolari.

Si dicono invece acqueretiche quelle sostanze, piante, ma possono essere anche farmaci, che sono in grado di rimettere nella circolazione sanguigna i liquidi che normalmente vengono accumulati nei tessuti muscolari. Questi liquidi vengono poi espulsi tramite diverse vie, come la sudorazione o le urine.

 

L’etimologia del nome Ortosifon deriva dal greco orqos = diritto, eretto e sifwn = sifone/cannello, allusione al tubo della corolla lungo e diritto, mentre è denominato anche tè di Giava perché originario delle Indie orientali.

 

Ecco alcuni esempi di tisane in cui è presente Ortosifon:

 

TISANA DIURETICA

Orthosiphon stamineus     folia……….40 g

Urtica dioica                           folia..………30 g

Foeniculum vulgare            fructus…….30 g

Infuso 5%, una tazza 3 volte al giorno

 

TISANA ANTISETTICA DEL TRATTO URO-GENITALE

Arctophylos uva-ursi          folia……….40 g

Orthosiphon stamineus    folia……….30 g

Solidago virga aurea          herba……..30 g

Infuso 3%, una tazza 3 volte al giorno

 

ANJA LATINI

Erborista iscritta al RNEP n. GLT0018S

 

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Depurazione: questione di abitudine

Il drenaggio: come ritornare in forma in maniera sana e naturale

Il Ciliegio, un diuretico della tradizione

Mito, storia e tradizione dell’Equiseto

Finocchio: utilizzo, proprietà e tradizione