settembre 24, 2021

FREQUENZE DI SAPORI: DOLCI ESTRATTI AD ULTRASUONI

L’estrattore ad ultrasuoni può essere impiegato in numerosi ambiti e settori!

 

In pasticceria permette l’estrazione di aromi di ogni genere in diverse basi liquide, come olio, latte, basi alcoliche… in questa puntata di FREQUENZE DI SAPORI si può vedere come è stato impiegato per preparare un crumble al Timo e delle sfogliatine al vino rosso Recioto.

Due dolcissime delizie aromatiche!

 

Guarda subito la puntata!

 

 

 

Quali sono gli ingredienti e come si preparano queste dolci delizie? scoprilo subito!

 

CRUMBLE AL TIMO

Ingredienti:

  • olio extravergine di oliva
  • foglie di Timo essiccato
  • foglie di Timo fresco
  • burro
  • zucchero a velo
  • farina
  • fecola di patate
  • mandorle in polvere
  • lievito in polvere
  • sale di cipro affumicato 

Procedimento:

Effettuare l’estrazione ponendo l’olio d’oliva e le foglie di Timo, sia essiccate che fresche, nel broc dell’estrattore ad ultrasuoni. Ottenuto l’olio aromatizzato, porlo in planetaria per miscelarvi omogeneamente il burro. La componente grassa così ottenuta va poi posta in frigo a rassodare.

A questo punto si pongono tutti gli altri ingredienti insieme al panetto di olio-burro aromatizzato, all’interno della planetaria, si miscela tutto e l’impasto ottenuto si pone in frigo a rassodare. Una volta pronto lo si sbriciola e con l’aiuto di un cucchiaio si riempiono di “briciole” dei bicchierini di carta che vanno quindi posti in forno a 150°C per 30 min.

 

 

SFOGLIATINE AL VINO ROSSO

Ingredienti per il pastello:

  • vino rosso Recioto
  • fiori di Ibisco disidratati
  • farina 
  • burro
  • un pizzico di sale

Ingredienti per il panetto:

  • burro
  • farina

Procedimento:

Porre il vino rosso Recioto nel broc dell’estrattore ad ultrasuoni, insieme ai fiori di Ibisco disidratati ed effettuare l’estrazione impostando il programma “soft”.

Filtrare l’estratto e aggiungervi farina, burro e un pizzico di sale. Mettere da parte e lasciar riposare.

Preparare nel frattempo il panetto, impastando insieme burro e farina.

Terminare quindi la sfoglia, stendendo panetto e pastello con il mattarello ed effettuando le pieghe secondo le indicazioni descritte nel video dal capo pasticciere Stefano.

Tagliare quindi la sfoglia per creare le sfogliatine e informare a 170°C per 30 min.

Ed ecco pronte due dolcissime delizie per il palato!

Pasticceri Michele e Stefano Marcazzan

della Pasticceria Roma

 

 

Ti stai chiedendo cos’è e come lavora l’estrattore ad ultrasuoni?

Questo sistema estrattivo sfrutta gli ultrasuoni, ossia quelle onde meccaniche sonore con frequenze superiori ai 20 kHz, per rompere le pareti cellulari e liberarne i principi attivi, che verranno quindi solubilizzati o dispersi nel solvente liquido utilizzato per l’estrazione. 

Questa metodica consente di lavorare a temperatura ambiente e in pochi minuti, garantendo così la stabilità delle molecole estratte.

Potendo utilizzare poi numerosi solventi estrattivi, viene consentita una vastissima versatilità di utilizzo. Se la sua destinazione d’uso è il settore erboristico o farmaceutico per l’estrazione dei principi attivi dalle piante officinali, possono essere impiegati solventi come acqua, alcool a diverse gradazioni, miscele di acqua-alcool-glicerina o un olio vegetale, come oliva, arachidi, mais, etc.

Ma se il suo campo d’applicazione è quello alimentare possono essere impiegati anche: latte, panna, vino, burro fuso, succhi di frutta, etc. per ottenere delle ottime basi per creme, lievitati, gelati, salse, sughi e quant’altro la fantasia suggerisce!

 

 

PER SAPERNE DI PIÙ

 

Scopri l’ESTRAZIONE AD ULTRASUONI oppure scopri LA TECNOLOGIA

                                          

 

Leggi anche:

FREQUENZE DI SAPORI CON ULTRASUONI IN PASTICCERIA – Pasticceria Dall’Omo

FREQUENZE DI SAPORI CON ULTRASUONI IN GELATERIA – Gelateria Savoia

FREQUENZE DI SAPORI CON ESTRATTORE AD ULTRASUONI – Osteria del Guà