settembre 4, 2014

ZENZERO CANDITO: COME FARSELO IN CASA

zenzero

Provate a sfregarvi sul palmo di una mano un pezzetto di radice di Zenzero, chiudete gli occhi e godetevi l’esperienza di un viaggio olfattivo verso le terre dell’estremo oriente.
È inconfondibile il profumo di Zenzero (Zingiber officinale Roscoe), comunemente chiamato Ginger, pianta che rientra tra le sostanze medicamentose della medicina orientale.

 

La radice polverizzata, oltre ad essere un costituente del curry dimostra avere importanti attività terapeutiche: fin dai tempi più antichi le proprietà medicinali dello Zenzero erano conosciute e sfruttate dalla tradizione cinese ed indiana ma ben presto varcarono i confini fino ad arrivare in occidente, dove la spezia prese sempre più piede anche nella preparazioni di ricette culinarie dal gusto esotico.

Concentrandoci sulle proprietà della radice di Ginger studi clinici hanno confermato il suo effetto antinausea e antivomito ed è per questo consigliato nella prevenzione del vomito da cinetosi (disturbi provocati in seguito a movimenti irregolari del corpo durante un moto, ad esempio durante un viaggio in auto, nave o aereo…).
L’azione antinausea è probabilmente attribuibile alla presenza in particolare di due principi attivi del fitocomplesso, il [6]-gingerolo e il [6]-shogaolo, i quali andrebbero a sopprimere le contrazioni gastriche, stimolando la motilità gastrointestinale e la peristalsi.

 

Si consiglia di assumere la polvere di zenzero (0,2 – 5 g) almeno 30 minuti prima della partenza e, in caso di viaggi molto lunghi, sempre la stessa dose ogni 4 ore.
Tale meccanismo d’azione determina un miglioramento generale della motilità gastrointestinale facendo dello Zenzero un ottimo stimolante aromatico in grado di favorire i processi digestivi e il tono della muscolatura intestinale, ma non solo, è noto anche l’effetto protettivo dello Zenzero sulla mucosa gastrica.

Tuttavia oltre alla sua attività tonico-stimolante dell’apparato gastrointestinale, lo Zenzero conosce anche altri usi: i principi attivi contenuti nel rizoma, una volta assorbiti, determinano un’importante azione antinfiammatoria a livello sistemico e perciò, un trattamento prolungato e costante a base di Zenzero , può essere d’aiuto per alleviare i dolori muscolari causati da attività fisica o in caso di malattie reumatiche ed emicrania.

La radice di Zenzero, come tutti sanno, non è solo ottimo rimedio fitoterapico, è anche un ricercato ingrediente dal gusto pungente e speziato ottimo da aggiungere nelle tisane o da gustare anche da solo e perché no…anche candito!

 

 

Ricetta dello zenzero candito

INGREDIENTI:

Radice di Zenzero grande
500 ml di acqua
500 g di zucchero
zucchero semolato per ricoprire

 

PREPARAZIONE:

Affettate lo zenzero e tagliatelo in tante striscioline lunghe; intanto in un pentolino portate a bollore l’acqua con lo zucchero.
Aggiungete lo zenzero e lasciatelo in infusione per 45 minuti.
Trascorso il tempo scolatelo e mentre è ancora caldo mettetelo su una teglia e versatevi sopra abbastanza zucchero da ricoprire lo zenzero.
Mescolate e lasciate asciugare finché lo zucchero non si sarà indurito.
Togliete infine lo zucchero in eccesso e conservate lo zenzero ormai candito in un contenitore ermetico.

 

Articoli che potrebbero interessarti:

La potenza delle spezie

Curcuma: l’oro delle spezie

Olio aromatico alla curcuma

Peperoncino: un antidolorifico naturale