VALERIANA

NOME BOTANICO:

Valeriana officinalis L.

SCHEDA TECNICA
COLTIVAZIONE
UTILIZZO PRATICO
Valeriana raccolta
DESCRIZIONE DELLA PIANTA

Specie erbacea perenne con fusto eretto e cavo.

Le foglie sono scure, pennatosette, ovato-oblunghe; le basali sono picciolate e riunite in una rosetta, quelle apicali sono invece prive di picciolo. I fiori sono di colore bianco o rosa, raccolti a formare di corimbi e portati all’apice del fusto; hanno calice piccolo con denti che prendono la forma di lunghe setole piumose. La Valeriana fiorisce al secondo anno, in primavera inoltrata.
Il frutto è un achenio ovoide e striato coronato da un pappo biancastro. presenta un rizomi di colore grigiatro-bruno, corti e carnosi, da cui dipartono radici fascicolate, sottili, finemente ramificate.

 

Altre specie:

Al genere Valeriana appartengono diverse specie:

  • Valeriana montana
  • Valeriana celtica

Entrambe conosciute nelle drogherie come “Nardo celtico”.

Della Valeriana officinalis, si utilizzano due varietà botaniche:

  1. Valeriana officinalis var. angustifolia: a foglia stretta
  2. Valeriana officinalis var. excelsa: a foglie larghe

 

Storia e curiosità:

Il nome Valeriana potrebbe derivare dal latino valere, ossia star bene, in riferimento ai suoi effetti calmanti.
Dioscoride la raccomandava come diuretico e antidoto contro i veleni, Plinio la considerava un analgesico, mentre Galeno la prescriveva come decongestionante.

Durante la prima guerra mondiale, la Valeriana trovò largo impiego per contrastare l’esaurimento nervoso causati dai bombardamenti dell’artiglieria.

In molte novelle, si dice che il pifferaio di Hamelin incantasse topi e bambini oltre che con il suo flauto magico, anche con la Valeriana.

 

ESTRATTI

TAGLIO TISANA

Le radici dopo essere state raccolte, lavate e spezzetate, vengono sottoposte a
essiccazione.

Il processo deve avvenire a temperature non superiori ai 45°C circa, per evitare perdite nel contenuto di olio essenziale.

Vai a ESSICCAZIONE

OLIO ESSENZIALE

Si ottiene per distillazione in corrente di vapore dei rizomi e delle radici.

La percentuale di olio essenziale contenuto negli organi sotterranei è molto variabile e va dallo 0,5% all’1,5%, riferito al materiale fresco.

Vai a DISTILLAZIONE

TINTURA MADRE

Si utilizzano le radici fresche lasciate a macerare in una soluzione idroalcolica a titolo di 55°.

Vai a MACERAZIONE

Clima e Terreno:

Cresce allo stato spontaneo soprattutto nei luoghi ombrosi e umidi, nelle vicinanze di corsi d’acqua, fino a 2000 metri di altezza. Preferisce terreni freschi, fertili, profondi, ricchi in sostanza organica e piuttosto umidi. Su tali terreni cresce raggiungendo grandi dimensioni, ma con aroma poco intenso. La Valeriana che viene invece coltivata su terreni più asciutti o ad altitudini maggiore, presenta taglia minore ma aroma più intenso.

 

Impianto e Propagazione:

La propagazione della Valeriana avviene per seme.

La semina si effettua in primavera in semenzaio, e le piantine vengono trapiantate a fine estate (agosto-settembre) dell’anno successivo, poiché la pianta cresce molto lentamente.
È consigliabile preparare i semenzai utilizzando sementi prodotte nell’annata precedente.
Per questa ragione risulta quindi più vantaggioso utilizzare frammenti di rizoma o piante ottenute per divisione del cespo di piante madri di almeno due anni di età.

 

Durata della coltura:

In genere ha durata biennale

 

Cure colturali:

Per ottimizzare la produzione di radici sono da prevedere alcuni interventi irrigui nel periodo estivo, soprattutto perché la Valeriana tollera molto male i periodi prolungati di siccità.

Durante il ciclo colturale, inoltre, per contrastare le infestanti, sono da prevedere alcune sarchiature. È consigliabile non eccedere con le dosi di azoto, poiché questo favorisce lo sviluppo della parte aerea a discapito degli apparati sotterranei.
È consigliabile asportare le infiorescenze in quanto con la fioritura in estate, si ha una diminuzione dei principi attivi nella radice.

 

Raccolta:

I rizomi e le eventuali radici vengono raccolte in primavera (marzo-aprile) dell’anno successivo alla messa in dimora, oppure nell’autunno (ottobre-novembre) per le piante dell’anno.
L’operazione di raccolta può essere meccanizzata utilizzando macchine raccogli-tuberi.
Una buona coltura di Valeriana può dare circa 10-15 t/ha di rizomi e radici.

SEMINA: Marzo Aprile
TEMPO BALSAMICO: Ottobre Novembre

Parti utilizzate:

Radici e rizoma

Proprietà ed impiego:

La Valeriana viene utilizzata come sedativo del sistema nervoso centrale.

È indicata da sola o in associazione con altre piante (per es: Melissa, Passiflora, ecc...) in alternativa alle benzodiazepine e per il trattamento di lievi stati d’ansia e dei disturbi transitori del sonno. Risulta inoltre efficace contro gli spasmi gastrointestinali di origine nervosa.
La sua azione sul sonno si manifesta riducendo il tempo di addormentamento e migliorandone la qualità. Tuttavia per ottenere dei risultati positivi è necessaria una somministrazione prolungata nel tempo (circa due settimane).
Sono stati condotti numerosi studi sperimentali che dimostrano come prepararti a base di Valeriana non possiedono effetti collaterali, nonostante la sua azione sedativa. Assunta la sera, prima di coricarsi, non incide nelle prestazioni cognitive, nella capacità di concentrazione e sui tempi di reazioni del giorno successivo; si è visto invece che nelle due ore successive alla sua assunzione si assiste a un lieve calo della vigilanza.
L’azione sedativa, secondo alcuni autori è attribuibile principalmente ai valepotriati, principi attivi non idrosolubili, e all’olio essenziale.

Tuttavia è bene precisare che l’attività terapeutica della Valeriana, così come per la maggior parte delle piante officinali, sia attribuibile alla sinergia del fitocomplesso e non a un singolo principio attivo isolato.

DATI PIANTA

Nome Comune:Valeriana
Nome Botanico:Valeriana officinalis L.
Famiglia: Valerianaceae
Origine: Europa e alcune regioni dell’ Asia
Altri nomi:EN: Valerian
Cat’s valerian
ES: Valeriana
FR: Valèriane officinale
Herbe aux chats
DE: Baldrian
ALTRI NOMI: Valeriana comune
Valeriana Europea
Amantilla
Erba gatta. Nardo selvatico
Baddariana
CHIEDI ALL'ESPERTO