febbraio 5, 2015

OLIO ANTICELLULITE ALL’EDERA

Birch Tree Forest

Come prepararsi in casa un ottimo rimedio anticellulite del tutto naturale e dalla ormai comprovata efficacia?

Bastano due semplici ingredienti: foglie di Edera e olio extravergine di oliva.

 

L’Edera (Hedera helix L.) è un arbusto arrampicante che normalmente si ritrova attaccata ad altri alberi, ai muri o alle rocce. Il nome deriva dal latino haerere che significa essere attaccato; nell’antichità era il simbolo del dio Bacco mentre nella tradizione popolare tutte le case che erano ricoperte di Edera erano considerate protette dall’arrivo degli spiriti maligni.

L’Edera conosce, per via interna, un impiego nel trattamento delle forme bronchiali grazie alla sua azione balsamica, espettorate ed antitussiva, ma per uso esterno la si può ritrovare all’interno della maggior parte di rimedi per il trattamento della cellulite.  Infatti le foglie di Edera possiedono proprietà vasocostrittrici ed astringenti che contrastano la congestione e la vasodilatazione, fattori che svolgono un ruolo importante nella genesi della cellulite. La proprietà anticellulitica è attribuibile alla presenza delle saponine, mentre i flavonoidi sono importanti per migliorare l’insufficienza venosa. Dell’Edera si utilizzano le foglie dei rami sterili: rami che presentano delle radichette che servono alla pianta per attaccarsi agli alberi o ai muri. Si differenziano dai rami fioriferi perché quest’ultimi non presentano radici e sono eretti. Spesso si trova all’interno di preparati erboristici associata ad altre piante che agiscono a livello del microcircolo quali Rusco, Ippocastano e Calendula.

Le foglie vengono raccolte a partire dalla primavera fino all’inizio dell’estate.

 

Qui di seguito una semplice ricetta per realizzare un oleolito all’Edera da massaggiare sulla zona interessata.

Se ne viene fatto un utilizzo costante e duraturo (almeno un mese continuo di applicazione locale), associato ad una attività fisica, una buona idratazione e una dieta equilibrata si possono vedere degli ottimi risultati.

L’aggiunta dell’olio essenziale di Rosmarino o di Ginepro va a rafforzare l’azione della pianta sul microcircolo aumentandone l’azione anticellulite.

 

 

OLEOLITO ALL’EDERA: RICETTA

 

Ingredienti:

Edera (foglie dei rami sterili)

Olio extravergine di oliva (sostituibile con altri oli vegetali a piacere)

Olio essenziale di Rosmarino o di Ginepro

 

Materiali:

Vasetto in vetro della dimensione che si preferisce

Imbuto

Colino a trama fitta

Garza in cotone o panno di lino

Carta assorbente

 

 

Procedimento:

le foglie di Edera raccolte vengono lasciate ad essiccare. Ponetele ben distribuite sopra a un foglio di  carta assorbente e lasciatele essiccare per un giorno in un ambiente riparato.

 

Metodo a caldo

In un pentolino ponete le foglie di Edera essiccate e aggiungetevi l’olio vegetale fino a completa copertura delle foglie. Scaldate il tutto a bagnomaria. Aiutandovi con un termometro ad immersione per i liquidi, una volta raggiunta la temperatura di 50°C, spegnete il fuoco e lasciate in infusione per tutta la notte. Successivamente facendo uso del colino o di una garza in cotone filtrate l’oleolito nel recipiente di vetro facendo attenzione a recuperare tutto l’estratto. Si consiglia quindi di pressare le foglie al fine di far uscire l’olio residuo (molto carico di principi attivi).  Una volta filtrato aggiungere all’oleolito di Edera l’1% di olio essenziale di Rosmarino o di Ginepro in base alla profumazione che preferite (ciò significa che se si preparano 500 ml di oleolito, bisogna aggiungere 5 ml di olio essenziale).

 

Metodo a freddo

Porre le foglie di Edera essiccate nel contenitore di vetro e riempire di olio vegetale fino a completa copertura. Chiudere con forza il coperchio e se non si possiede un vasetto in vetro scuro, coprire interamente il vaso con la carta d’alluminio. Lasciare in macerazione per 21 giorni, ricordandosi di mescolare accuratamente ogni giorno. Filtrare e recuperare l’olio assorbito dalla pianta e aggiungere l’1% di olio essenziale di Rosmarino o Ginepro.

 

Consiglio: per aumentare il potere conservativo dell’oleolito e prevenire i fenomeni ossidativi dell’olio, prima di porre in macerazione le foglie spruzzatele con dell’alcol puro. Se utilizzate il metodo a freddo si consiglia di mettere sulla superficie dell’olio un cucchiaio di alcol puro prima di lasciarlo a macerare.

 

 

Approfondisci la tecnica estrattiva:

Macerazione

Percolazione

 

 

Articoli che potrebbero interessarti:

Olio essenziale di Rosmarino: utilizzi e proprietà

Il drenaggio:come ritornare in forma in maniera sana e naturale

Oleoliti: il potere delle erbe in olio